Crea sito

comiso



Amici miei, lu tiempu vinni
 

  http://comiso.altervista.org

d'iri a cgghiri 'a racina.
Lu viddanu s'incammina,
a la vigna si ni va.


CANZONI

  comisani@libero.it




COMISO E COMISANI






COLLEGAMENTI


- TRADIZIONE

- RELIGIOSIT POPOLARE

- STORIA LOCALE

- COMISANI

- NOMI E COGNOMI

- VARIA


- DIARIO APERTO

-
LETTERE E MESSAGGI

-
VECCHIE IMMAGINI

-
INNO A COMISO

HOME PAGE



CANZONI POPOLARI

Da quando si trova al mondo, l'uomo,oltre che con la parola, gli occhi ed i gesti, si esprime con la poesia e la musica.
Spesso poesia e musica si accompagnano e, quando questa unione riesce bene, danno origine a brani che diventano patrimonio di una intera comunit.
Questo avvenuto per le 10 canzoni che proponiamo.
I testi delle canzoni proposte hanno come tema l'amore. Il tema trattato spesso in modo appassionato e talvolta (come tipico dei
cumisari) anche con ironia.

Le prime quattro canzoni, secondo il compianto direttore del Corpo Bandistico maestro ALFIO PULVIRENTI, che le raccolse a Comiso "di su la bocca del popolo", risentono dell'influsso delle composizioni musicali dell'antica Grecia.
"
Il procedimento quello che rimonta alla Grecia antichissima e al famoso Terpandro..... Inoltre la risoluzione melodica, per lo pi sul modo minore, un altro carattere per cui si agganciano all'antico costume classico, rimasto con le sue linfe a vivificare ogni manifestazione d'arte della terra di Sicilia" (A.P.).

La 5^ e la 6^ canzone, raccolte dalla sig.na ANTONIETTA BIANCO, sono state tratte da
COMISO VIVA.

Le successive tre canzoni fanno parte della raccolta di canzoni popolari curata nei primi anni del 1800 dal giurista dott. GIUSEPPE LEOPARDI .

La decima canzone molto nota e cantata a Comiso, anche se non comisana.

Nelle pagine seguenti sono presentate le canzoni
CALA LA SIRA e FONTE DIANA





"MISSAGGHERA"

A LA "LITTICHERA"

(Andantino affettuoso)

I
Di sta vanedda 'nciau passatu mai,
ora ci passu ca ci siti vui.
Com'aiu a ffari ca la notti 'un nuormu,
sempri pinzannu a vui curuzzu tirannu.

II
Assira ci passai a li sia uri,
c'erinu genti e nun vi potti parrari;
p 'nsinca vi lassai 'n muccaturi
di punta a punta ci sta scrittu "amuri".

III
O palummeddi c'allaria vulati,
datimi nuova ri l'amanti mia.
Su la viriti mi la salutati,
ci lu riciti ca 'n si scorda a mia.

I
Viegnu a cantari c, mienzu a sta ciazza,
pi dari spassu a chisti 'me patruna;
di canzuni ni sacciu 'na visazza,
ni vulissi cantari quarcheruna.

II
Comu cantava, 'n puozzu ci cantari,
ca l'aiu persa la vuci c'ava.
'Na picciuttedda ca s'asciau a passari,
idda si la pigghiau la vuci mia.

III
Parti, suspiru miu, valla a viriri
e dicci ca la mannu a salutari;
dicci ca nun si pigghia dispiaciri
ca s' nata pp' mia nun p mancari.

A LA "PIRRIATURA"

(Moderato)

"AMURUSA"

(Moderato)

I
Supra 'n muru c' 'n iattazzu
ca fa buci comu 'n pazzu;
ci l'haiu a diri: "Gran bistiuni,
nun canusci o t patruni?"

II
C' 'na varca 'mmienzu 'o mari
e non c' lu marinaru;
c' 'na spina 'nta stu cori
e non c' cu l'a' scippari.

III
Se Turidda mi taliassi,
se Turidda m'arridissi,
iu filici mi sintissi,
iu cc re non mi canciassi.

I
Cummari c'ata persu lu picciuni,
ciamati "vitti, vitti" ca vi veni.
Ju l'aiu vistu da banna Riesi,
unni ci su pagghiara comu chiesi.

II
Ci su tri picciutteddi comu rosi:
una di chissi tri mi dissi: "trasi";
mi risiru a manciari tanti cosi:
nuci, nuciddi, castagni e cirasi.



STA FERMA, ARMA MIA SINTITI

Sta ferma, arma mia, nun dubitari,
cu ti rici ca nun t'amu su palri,
l'amuri nun si divi palisari,
si teni sigillatu ntra lu cori.

Iu sempri t'aiu amatu, e t'aiu amari,
e t'aiu amari pi sina ca si mori,
e quannu l'ura di lu trapassari
l'arma la dugnu a Diu, a tia lu cori.

Sintiti, a cantari ci sugnu mannatu
ri n'uomu ca vi voli stremu beni;
cu li rinoccia 'n terra m'ha priatu,
voli ca iu vi cuntu li so' peni.

Nun lu viriti com' stracanciatu?
La so' facci ci culuri nun teni.
E suddu vui amuri a riddu aviti,
quannu veni a la porta ci rapiti.



A PRIMA VOTA NI STA VANEDDA

A prima vota ca isti a la Missa
lu puopulu ri tia s'annamurau,
quannu pigghiasti l'acqua biniritta
lu fonti ch' di mrmuru parrau.

Lu parrinieddu ca rica la missa
vitti li to biddizzi e si vutau...
"Rimmi cu ti l'ha datu ssi biddizzi?"
"Mi l'ha datu lu Diu ca mi criau"

Ni sta vanedda cci vorra ciantari
maccia ri piru, pumu muscatieddu,
e nta lu mienzu na funtana fari
unni ci vanu li ramuzzi beddi.

Ora m'assiettu e li viru passari,
a tuccu a tuoccu, li canannireddi;
una ri chissi mi nn'aia a pigghiari:
chidda ca piaci a mia ccu l'uocci beddi.

STANOTTI MI SUNNAI  

Stanotti mi sunnai ca era cu nuddu,
e nuddu si sunnau ca era cu mia;
m'ii a rrivigghiari e truovu a nuddu,
nuddu s'arrivigghiau e truvau a mia.
"Sai pirch nun vuogghiu beni a nuddu?
Pirch nuddu voli beni a mia"beddi.



SI MARITAU ROSA...

Vinni la primavera,
li miennuli su 'n sciuri,
e iu muoru d'amuri,
mi vuoggiu maritari.

Si maritau Rosa
Saridda e Pippinedda;
e iu, ca sugnu bbedda,
mi vuoggiu maritari!





per tornare all'inizio della pagina